Oggi

Oggi vi voglio parlare di oggi!
Ma non oggi inteso come il nome del giornale, oggi come giorno, ovvero sabato 15 Gennaio.
Ecco, voi oggi cosa farete? Io sarò impegnato nell’acquisto di alcune cose che mi serviranno in qualche progetto futuro, ma per il momento è tutto top-secret. Posso dire solo che ha a che fare con PICA. A proposito di top-secret, forse non lo sapete, ma oggi, nel 1987 esce in VHS il film “Top-Gun” e per la prima volta viene inserita la pubblicità in una videocassetta. Adesso invece sarebbe uno scoop trovare qualcosa che non abbia pubblicità. Un anno fa invece ero a Certaldo, al bed & breakfast “Il Pianigiano” (così faccio pubblicità anch’io), a registrare la terza puntata pilota della sit-com “Bed & Breakfast”, per la regia di Marco Frosini, con protagonisti Cristiano Chesi, Andrea Agresti e Cristina De Pin. La sit-com è andata in onda su Canale Italia di Sky nel Settembre scorso e qui sotto potete vedere la puntata a cui ho partecipato, mentre per l’intera serie, potete visitare il sito www.tyou.it.

Permanent link to this article: http://www.stefanomartinelli.net/site/oggi/

Misteri irrisolti

Ieri sera stavo guardando “Mistero” in tv. Come in tutti i programmi del genere si indaga, senza mai trovare una soluzione ai vari misteri analizzati. Si parla di ufo, mostri, vampiri, serial killer, piramidi, templari, civiltà scomparse, la fine del mondo e altre cose del genere. Ma io mi chiedo, una volta, non potrebbero trattare di misteri veramente importanti, che ne so, una puntata dove spiegano perché i treni sono sempre in ritardo. Perché questo è uno dei veri misteri che ci circonda. Diteci che fine fanno tutti i soldi che vengono dati allo stato ogni volta che paghiamo le tasse, o perché in Italia paghiamo la benzina così tanto, per non essere così estremisti e chiederci come mai usiamo sempre il motore a scoppio. Una cosa che mi sono sempre chiesto è come si fa a far governare uno stato da vecchietti di 70 anni; indipendentemente da idee e partiti, ma voi lascereste governare casa vostra da vostro padre o vostro nonno? Ma il mistero per cui non dormo la notte, e forse come me altre persone, è  qual è il famoso ingrediente segreto della Coca Cola??

Permanent link to this article: http://www.stefanomartinelli.net/site/misteri-irrisolti/

Le indicazioni stradali

E’ strano come a volte nascono i video che realizzo. La serie de “Le indicazioni stradali” mi è venuta in mente una sera andando ad uno spettacolo, grazie ad un fatto che mi è capitato.
Ero in macchina con Fulvio Fuina, sua moglie e un’amica, destinazione “Il Ciocco”, per uno spettacolo organizzato da “Gli ultimi della Fila”. Nessuno di noi aveva cartina o navigatore, perché ognuno aveva pensato che l’altro avrebbe guardato la strada da fare, così ci siamo persi, o per metterla diversamente, allungato un po’ la strada. Ad un certo punto troviamo un signore e decidiamo di chiedere indicazioni. Fulvio abbassa il finestrino e chiede. Il signore risponde. E qui tutto bene. Poi la moglie di Fulvio, visto che eravamo in ritardo, chiede più o meno quanto tempo ci vuole ad arrivare, ed il signore cortesemente ci rispiega nuovamente la strada, mentre la signora Fuina inizia a chiedere, urlando sempre più forte quanto tempo ci vuole! Naturalmente senza mai trovare risposta…
Alla fine siamo arrivati in tempo, passando il resto del viaggio a ridere della vicenda assurda, che ci faceva talmente ridere che poi abbiamo deciso di farci un video.

Permanent link to this article: http://www.stefanomartinelli.net/site/le-indicazioni-stradali/

Vi racconto “Lavati Ovidio”

Ci sono voluti 3 mesi per girare “Lavati Ovidio”, opera prima di Luca Martinelli. Ancora ricordo il messaggio che mi mandò: “Giro un film, c’è una parte anche per te!”. Così, dopo aver letto la sceneggiatura mi sono immerso in questa avventura, che presto mi avrebbe portato a fare da aiuto regista e sceneggiatore, visto le modifiche che abbiamo dovuto fare al copione per l’assenteismo di alcuni attori. A questo punto potrei elencare il cast e raccontare la trama del film. Invece voglio raccontarvi altre cose secondo me più interessanti. Come le scene in teatro, girate in teatri diversi, perché il primo c’era già stato dato e per ben 2 ore. L’ufficio affissioni del Comune di Pietrasanta, che quando andiamo a timbrare le locandine, invece di venirci incontro, arrotonda per eccesso. La colletta tra me e Luca per trovare 60 centesimi per il parcheggio e le continue modifiche al copione perché alcuni attori mancavano e quindi pur di andare avanti tagliavamo le parti a questi che neanche sapevano come si chiamavano nel film e le riassegnavamo a chi c’era. I moccoli di Luca quando ha perso la schedina della telecamera, poi per nostra fortuna ritrovata e i suoi commenti sulle prostitute in centro a Bologna, dovevate sentirlo: “Sentiamo quanto vogliono, per curiosità, sono troppo belle. Altro che i travestiti che sono da noi!”. La caduta di Antonio Meccheri, che si è fatto male davvero, rimettendoci anche occhiali e cellulare, e la Lora Santini che non ci credeva. Gli episodi da raccontare sono tanti, alcuni li abbiamo inseriti nel film, come la scena del disturbatore. In ogni caso è stata una bella esperienza, e personalmente ringrazio tutti quelli che hanno collaborato alla realizzazione di questo film, che potete vedere sul sito www.tyou.it.
Mentre qui sotto, trovate il trailer.

Permanent link to this article: http://www.stefanomartinelli.net/site/vi-racconto-lavati-ovidio/

I semafori scomparsi

Oggi vorrei dedicare il mio blog ad una categoria che sta scomparendo. I semafori.
Ogni giorno milioni e milioni di semafori si ritrovano senza lavoro, per colpa delle rotonde.
Loro sì che sentono veramente la crisi, ci sono semafori che non arrivano più a fine mese, il loro conto è ormai al verde e loro non fanno altro che lampeggiare per chiedere aiuto a chi ci passa davanti e neanche li guarda, perché troppo di fretta nel proseguire per la propria strada.
Oggi un semaforo per lavorare deve come minimo avere una laurea, la specializzazione per fare le multe è il minimo per poter ottenere un posto di lavoro. Per i semafori comuni è davvero difficile andare avanti, i più fortunati lavorano part-time per queste ditte che asfaltano le strade. E loro lì sulla strada, malpagati e insultati dagli automobilisti che si trovano rallentati dal cantiere. Ma una soluzione ci sarebbe. Bisognerebbe prendere tutti i semafori disoccupati e metterli nei locali, bar, discoteche e night club, e così almeno per una volta, gli automobilisti sarebbero felici di vedere le luci rosse dei semafori.

Permanent link to this article: http://www.stefanomartinelli.net/site/i-semafori-scomparsi/